La parabola del fabbro di spade

This post is also available in: Inglese Spagnolo Portoghese, Brasile

Sostieni il progetto Coltellimania. Leggi e Condividi!
Protected by Copyscape

fabbro

La parabola del fabbro di spade è una storia incredibile che racchiude l’unico modo per imparare davvero, fai così solo se vuoi diventare bravo!!!

Per imparare a costruire un oggetto “semplice” come il coltello è necessario studiare, fare, rifare, sbagliare, riprovare, ecc.

Serve costanza, determinazione e anche soldi, si hai capito bene perchè le attrezzature e i materiali costano e all’inizio si tratta di un hobby che richiede degli investimenti che possono essere più o meno importanti in base alle tue possibilità.

Certo all’inizio puoi iniziare con pochi strumenti ma comunque tra attrezzature e materiali diretti e indiretti qualche investimento c’è da fare ma è la tua passione che deve guidarti.

La parabola del fabbro di spade

“Tanto, tanto tempo fa, in una terra lontana, viveva un fabbro di spade, conosciuto in tutto il mondo per la sua sublime capacità di forgiare il ferro e trasformarlo in spade eleganti e letali.

Un giorno, il racconto dell’incredibile abilità del fabbro di spade giunse a corte, ed il Re, affascinato da questa storia, volle incontrare quanto prima un suddito tanto dotato.

I cavalieri del Re iniziarono a cercare il fabbro di spade in lungo ed in largo, setacciando l’intero regno, finché non lo trovarono in un piccolo villaggio vicino alle montagne.

Protected by Copyscape

Di fronte all’invito del Re, il fabbro di spade non poté fare altro che accettare e, salutata la propria famiglia, seguì i cavalieri a corte.

Durante il loro primo incontro, il Re fu subito affascinato dall’umiltà e dalla gentilezza del fabbro di spade e decise di ricambiarla con altrettanta cortesia.

Dopo una breve chiacchierata, il Re fece al fabbro di spade la domanda che poneva a tutti i grandi maestri ed esperti della sua corte:

“Fabbro di spade, dimmi, qual è il tuo segreto?

Come riesci a forgiare spade tanto belle?“

Il fabbro di spade, per nulla intimorito, rispose al proprio Re con reverenza, ma fermezza: “Sire, non esiste alcun segreto“.

La storia della parabola del fabbro di spade continua..

Il Re sembrava perplesso, ma lasciò continuare il suo ospite. “Fin da quando ero bambino ho avuto l’opportunità di osservare, prima mio nonno e poi mio padre, lavorare il ferro.

“ Come catturato dall’estasi dei ricordi il fabbro di spade continuò il suo racconto.

“Ben presto mi innamorai di questa arte che forgia elementi tanto potenti della natura: il ferro, il fuoco e l’acqua.

Vedere nascere spade così eleganti dal ferro grezzo non solo affascinò la mia mente, ma catturò anche il mio cuore.

Fu allora che, ancora bambino, decisi che sarei diventato il più grande fabbro di spade del mondo.

“ Il Re e tutta la corte continuarono ad ascoltare in silenzio l’umile artigiano.

“Crescendo, lessi tutti il libri che furono scritti sull’arte della fabbricazione della spada ed imparai ogni tecnica sulla lavorazione del ferro.

Non solo.

Se un libro non conteneva la parola ‘spada’, se una discussione non trattava della lavorazione del ferro, ed in generale, se un’attività non aveva nulla a che fare con le spade, semplicemente non sprecavo il mio tempo con essa.

Credo che sia questo il segreto della mia eccellenza Maestà.”

Conclusioni

Questa storia è per spiegarti che non ci sono tanti modi per diventare bravo, non esistono scorciatoie o bacchette magiche ma deve essere una piccola ossessione, una costante, deve essere uno stile di vita.

Devi studiare l’arte e praticare!

La capacità e lo sviluppo degli skills sono un processo.

 


Se ti è piaciuto quello che hai letto e ti è stato utile prima di uscire dalla pagina condividi l’articolo tramite i tasti social che vedi in alto e  commenta. Grazie davvero!

Importante! Ti chiedo ancora un  piccolo sforzo ma per me è utile per il progetto, clicca mi piace sulla pagina facebook e al canale Instagram.


 

https://expertfighting.it/la-parabola-del-fabbro-di-spade/

Protected by Copyscape

This post is also available in: Inglese Spagnolo Portoghese, Brasile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *