L’Angelo dei Coltelli

Sostieni il progetto. Condividi!

L’artista inglese Alfie Bradley ha passato gli ultimi due anni a creare “L’ Angelo dei Coltelli”, una scultura alta quasi 7 metri e mezzo composta da 100.000 coltelli sequestrati dalla polizia.

L’opera è nata per sensibilizzare i cittadini sul crescente tasso di criminalità nel Regno Unito,

Il confronto che viene spontaneo è con la serie tv “Il Trono di Spade“, che nella mitologia della famosa serie tv sarebbe composto da 1.000 spade conquistate ai nemici del re.

Ma l’Angelo dei Coltelli è molto più impressionante, se non altro per le dimensioni.

L’idea sarebbe nata dopo che Bradley e dei suoi colleghi hanno visto un documentario sui reati con l’utilizzo di coltelli nel Regno Unito, e hanno deciso che volevano fare qualcosa per sensibilizzare la gente sul problema.

Il lavoro è stato importante e molto lungo.

Clive Knowles, direttore del British Ironworks Centre, però mette anche  l’accento non solo sull’opera artistica ma su quello che fa la polizia per la sicurezza dei cittadini:

È stato uno sforzo enorme. Ci siamo interfacciati con 43 forze di polizia. Però molta gente vede solo il progetto finito, ma non vedono il grande lavoro che è portare queste migliaia di armi via dalle strade”.

La reazione

La reazione delle vittime di reati con armi da taglio, e dei lori familiari è stata però divisa: alcuni, tra cui anche chi ha perso un familiare a causa di un accoltellamento, si sono detti entusiasti del progetto, mentre altri si sono opposti con durezza.

Cheryl Evans, il cui figlio è stato accoltellato a morte nel 2004 ha commentato:

Un angelo è puro, un coltello è la creazione del diavolo per la morte dei nostri giovani e per chi li usa per mettere fine a vite innocenti. Non voglio e non posso supportare quest’idea”.

Conclusioni

Il coltello in questo caso diventa espressione artistica al di là dell’oggetto in se trasformandosi in un’opera d’arte per alcuni versi macabra ma che nonostante i pareri e opinioni discordanti rimane significativa di come il coltello rimanga un oggetto diffuso per molti scopi come in questo caso oggetti sequestrati a malviventi.

Andrea


Se ti è piaciuto quello che hai letto e ti è stato utile prima di uscire dalla pagina condividi l’articolo tramite i tasti social che vedi in alto e  commenta. Grazie davvero!

Importante! Ti chiedo ancora un  piccolo sforzo ma per me è utile per il progetto, clicca mi piace sulla pagina facebook e al canale Instagram.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *